Pessimismo

Baudelaire e la delusione del viaggiatore: il "peccato immortale" della perversione

Se non esistessero i pessimisti, la nostra Cultura sarebbe priva di realismo. Baudelaire fu, oltre che sommo Poeta, anche un grande pessimista: nella sua opera, compaiono di continuo gli aspetti più sordidi e sinistri dell’animo umano. Eppure, con la sua umana pietà e la sua Arte, egli ci aiuta a riconoscerli e ad integrarli in una visione dei nostri simili che, pur nel suo realismo, resta nel complesso positiva. Su ciò che, inevitabilmente, delude il viaggiatore, egli scrive: