La valutazione comportamentale

Peso
1

Anche se il nostro specifico interesse è rivolto agli strumenti di valutazione standardizzata, di cui abbiamo ampiamente parlato nei capitoli precedenti, non possiamo non accennare anche ad altre e diverse modalità con cui possono essere misurati i problemi dei pazienti psichiatrici, modalità che pure esistono e che possono essere utili in molti casi.

Elementi pratici

Peso
6

Le RS sono strumenti imperfetti, grossolani, incapaci di fornire una risposta soddisfacente per lo psichiatra; ne è una dimostrazione anche il fatto che le RS messe a punto negli ultimi 20-30 anni sono talmente numerose da creare non poche difficoltà a chi debba scegliere gli strumenti più idonei per le sue finalità di studio e di ricerca.

Il periodo di riferimento

Peso
2

L'impiego di una RS richiede che venga preliminarmente stabilito il periodo a cui si riferisce la valutazione. Questo può essere più o meno lungo in funzione del tipo di ricerca. Di solito, per valutazioni nel corso di un trattamento, si fa riferimento a periodi brevi (4-7 giorni), mentre per valutazioni tese ad esplorare fenomeni a più lenta evoluzione (p.

Chi effettua la valutazione

Peso
4

Anche se il paziente è, nella maggior parte dei casi, la fonte principale di informazioni, non necessariamente egli è anche colui che effettua la rilevazione della sintomatologia, come accade quando si utilizzano le cosiddette scale di autovalutazione (Self-assessment Rating Scale - SRS); più spesso, anzi, la rilevazione è fatta da un osservatore esterno, di solito un operatore sanitario (che può essere u