carcere

LEGGERE 2019 – 2. Il contesto storico e sociale.

Immagine

Autori dell'articolo nel caso l'articolo venga riportato

NDR: Se acquistate i libri segnalati seguendo i link inseriti nel testo che rimandano ad Amazon darete indirettamente una mano alla Rivista che si vedrà riconoscere una piccolissima percentuale sul vostro acquisto on line. Non costa nulla farlo ed è un piccolo aiuto al nostro lavoro on line.

La psichiatria nel suo contesto storico

Quando il sintomo si fa segno: la diagnosi binaria

Non voglio drammatizzare dicendo che tutti i giorni, in carcere, vedo agiti autolesionistici. 
Vedo però tutti i giorni, questo si, le cicatrici che hanno lasciato tali agiti sulla pelle.
La consuetudine fa a volte perdere la sensazione di drammaticità, forse la cognizione stessa di malattia quando non la si riesce a collegare a concetti quali instabilità, imprevedibilità.

Potremmo finire così ?

Un link ad un video che riguarda i Penitenziari della Folrida USA dove i malati di mente in Carcere sono 3.400 e le condizioni sono terribili. Il titolo che ho dato a quest inserimento in rubrica è un monito a fare il possibile per interevenire nei nostri Carceri ed evitare che i problemi, anche derivanti dalla necessaria ed irrimandabile riforma che porterà alla chiusura degli OPG,  si scarichicno sui Carcerieri  inadeguati a sostenerli